Social Ecommerce, come vendere online con successo

Chi ha un e-commerce non può fare a meno di investire anche sui social network dedicati.

Questo perché circa 9 consumatori su 10 si rivolgono alle piattaforme social per formulare le proprie decisioni di acquisto.

Pensate che il 75% di chi ha acquistato un prodotto dice di averlo fatto perché lo ha visto sui social (indipendentemente dal fatto che fosse pubblicizzato dal brand o dall’influencer).

Il social diventa quindi parte fondamentale della propria strategia, quando si ha un e-commerce.

Un fenomeno, quello del social e-commerce, che in Cina ha completamente rivoluzionato il mercato.

Qui moltissimi brand – da H&M a Dior – hanno puntato tutto su WeChat per incrementare le proprie vendite.

WeChat, che conta oggi 806 milioni di utenti attivi mensili, sta diventando un vero e proprio mercato virtuale, dove rivenditori e marchi vendono le cose online, sia all’ interno di WeChat o spostando le persone senza soluzione di continuità al di fuori delle piattaforme di shopping. E questo perché cambia il comportamento del consumatore.

Ti consiglio di leggere questo articolo dedicato sui pagamenti mobile e le nuove tecnologie già presenti ed utilizzate da tutti in Cina.

I VANTAGGI DEL SOCIAL E-COMMERCE

Partecipazione:

Tramite i canali social è possibile partecipare attivamente alle discussioni, o ai commenti e domande relativi ai prodotti.

Si ha un rapporto con il cliente più umano.

Per creare engagement attorno al prodotto è utile realizzare promozioni e sconti personalizzati e customizzati per gli utenti di Facebook, ad esempio.

Oppure utilizzare Shopping, la nuova funzione di Instagram che permette ai brand, attraverso appositi tag, di indirizzare gli utenti all’acquisto di un determinato prodotto.

Misurazione.

Grazie ai tools di Analytics dedicati ai vari social network, è possibile misurare la reputation di un determinato marchio o prodotto e costruire una strategia di marketing adeguata.

Viralità.

Le azioni virali dei social network sono da sfruttare a proprio vantaggio per far conoscere i propri prodotti: ad esempio utilizzare video o immagini coinvolgenti per gli utenti e contenenti riferimenti indiretti o diretti al prodotto.

QUALI PIATTAFORME SCEGLIERE

Tra le varie piattaforme social, quelle più utilizzate sono, senza dubbio, Facebook, Instagram, Twitter, Pinterest.

Le vendite attraverso questi possono avvenire in maniera diretta, attraverso ad esempio delle shop tabs, o indirettamente attraverso i referrals sui social network stessi.

Importante anche la messaggistica istantanea.

Anche Messenger, Telegram, Whatsapp e simili possono rappresentare una soluzione utile per il proprio e-commerce.

Per un servizio clienti live e sempre attivo, per esempio: in questo modo si tagliano i tempi di attesa di un servizio via mail o call center e si offre ai consumatori l’immediatezza che cercano.

A questi social si affiancano, poi, delle piattaforme peer-to-peer sales come eBay, Etsy

Troviamo poi altre tre forme di social e-commerce, meno popolari, tra cui:

- User-curated shopping come The Fancy
- Social shopping come Motilo, Fashism, GoTryItOn: sono siti che tentano di replicare lo shopping offline con gli amici, includendo funzioni di chat e forum per lo scambio di consigli e opinioni.

Non vi resta che iniziare!

 

No Comments

    Leave a reply

    social-ecommerce-le-strategie-di-marketing-per-vendere-online
    [i]
    [i]