Marketing Automation

Guida al corretto utilizzo del campo dinamico [NOME] nelle email

Ormai da anni è pratica comune inserire all’interno delle proprie email di marketing i cosiddetti campi dinamici (se usi mailchimp conoscerai bene la parola “merge tags”).

Si tratta in genere di testi dinamici (ma possono essere anche immagini, o azioni) che prendono forma diversa a seconda dei rispettivi valori contenuti all’interno dell’anagrafica dei singoli clienti.

L’esempio più comune e mainstream è il classico “Ciao [nome]” che dovrebbe dar la parvenza di star parlando direttamente con l’interlocutore, catturandone (è quello che si spera…) l’attenzione mentre scrolla distratto i tanti messaggi che gli intasano la casella Promozioni.

Che cosa c’è da capire? Non basta inserire il campo [nome] e poi fa tutto il software?

Non esattamente.

Il classico e più comune errore che si presenta quando si utilizza questo campo dinamico senza prestarci attenzione, è il fatto che spesso non conosciamo il nome di TUTTI i nostri utenti, ma solo di alcuni.

Questo capita ad esempio quando abbiamo due liste separate, una per i clienti e una per i potenziali clienti. Mentre sui primi abbiamo una serie di campi che hanno compilato obbligatoriamente per poter effettuare l’acquisto, dei secondi spesso abbiamo solo l’email, raccolta attraverso popup o form di iscrizione sul sito.

L’obrobrio che ne consegue è una e-mail dal subject “Ciao |*FNAME*|,…” dove il campo dinamico giustamente non viene valorizzato.

In altri casi, il software è abbastanza intelligente da capire che se non trova il nome dell’utente, non deve far comparire nulla.

A quel punto però possono sorgere altri problemi, come nel caso di “|*FNAME*|, scopri le nuove offerte…” che diventa ” , scopri le nuove offerte…” con una virgola messa lì a caso.

Per risolvere questo inconveniente basta un pizzico di logica condizionale.

Ogni software ha la sua sintassi, te ne presento un paio che utilizzo:

 

Bunting.com:

*|IF|*|FORENAME|*|**|FORENAME|*, scopri*|ELSE|*Scopri*|ENDIF|*,

Salesmanago.com:

[#if $name$]$name$, scopri[#else]Scopri[#end]

 

Inserendo queste stringhe, succede una cosa semplice: se è presente il nome del contatto, comparirà “Marco, scopri…”, mentre se il software non riconosce alcun nome, comparirà “Scopri…” in maiuscolo, senza alcun riferimento ad un nome.

Questo ti aiuterà a dare più serietà alle tue comunicazioni, e a non farti prendere in giro dai clienti! 🙂

 

Post correlati

Prodotti Raccomandati Dinamici per Ecommerce: La guida definitiva

Francesco Chiappini

Come creare una Homepage interamente personalizzata con Bunting

Marco Santandrea

Paese che vai, geolocalizzazione che trovi. Idee per personalizzare un ecommerce con la geografia.

Marco Santandrea

Lascia un commento

Accetto e dichiaro di aver letto l’Informativa Privacy

guida-al-corretto-utilizzo-del-campo-dinamico-nome-nelle-email-ecommerceschool-blog-formazione-in-e-commerce-management