Adwords Articoli
ADWORDS

Come scegliere Keywords di Qualità Vincenti per Adwords

[ARTICOLO RIPRESO DAI CONTENUTI DI PERRY MARSHALL – LA GUIDA DEFINITIVA]
Uno degli errori più comuni nelle Campagne Adwords è quello di Organizzare le campagne troppo di fretta senza concentrarsi a livello strategico sulla sua organizzazione.

Le campagne non ottimizzate causano ingenti perdite di denaro. Non è raro il caso di incontrare nelle mie consulenze delle campagne con unici annunci legati a centinaia di parole chiave, spesso anche di diversa tematica.

Ripeti Le Keywords (che le persone cercano) nei tuoi annunci!

Le keywords che le persone ricercano su Google corrispondono a dei desideri e a qualcosa che in quel preciso momento stanno ricercando. Spesso sono dei bisogni che devono soddisfare. E’ consigliabile dunque ripetere le Keywords che stanno cercando sui tuoi annunci, sia per essere pertinenti sia per dare un riscontro immediato a chi sta cercando quella parola chiave.

Esempio: cerco su Google”Imparare il Cinese

Annuncio:
Vuoi Imparare il Cinese?
Scopri le 7 Lezioni Gratuite
Impara il Cinese velocemente
www.cinese-veloce.it

Più riesci ad inserire le Keywords Imparare + Cinese  nei tuoi annunci e più otterrai attenzione e click.
E’ come rispondere direttamente alla richiesta del cliente parlando lo stesso linguaggio, la stessa terminologia!!

Se haistudiato PNL sai che un buon modo di rispondere ai clienti è proprio quello di ripetere per prima cosa nella risposta proprio quello che hanno chiesto.

Utilizza lo Strumento per le Parole chiave di Google

Il modo migliore per individuare le parole chiave migliori è di utilizzare lo Strumento di Pianificazione delle Parole chiave di Adwords

Puoi utilizzare questo strumento anche se non hai Campagne attive di Adwords, è un tool gratuito e basta registrarsi ad Adwords.

E' molto utile non solo per impostare delle campagne a pagamento ma anche per altri utilizzi quali posizionamento Seo (per trovare delle giuste parole chiave con le quali indicizzarsi a livello organico), per l'acquisto di domini (per visualizzare quante ricerche mensili vengono effettuate) e per valutare l'audience intorno ad un argomento.

Di questo però parleremo in un altro momento, per ora analizziamo questo strumento al fine di impostare una campagna ottimizzata su Adwords.

Una volta selezionato lo strumento possiamo scegliere tra quattro voci:

per ora ci servirà la prima opzione come da foto, relativamente alla ricerca di parole chiavi inerenti al nostro business.

Inseriamo le parole chiave che vogliamo monitorare, in questo caso:

  • Cinese
  • Corso Cinese

Partiamo sempre dall'esempio che devi pubblicizzare la tua scuola di Lingua Cinese.

La parola chiave Cinese è molto generica e può essere cercata da chiunque e per diversi motivi, non obbligatoriamente da chi vuole imparare la lingua, pertanto oltre ad essere un click potenzialmente costoso è poco pertinente alla tua attività e il CTR sarà molto basso.
[wpsm_box type="transparent" float="none" text_align="left"]
Nessuno, in genere, cerca una sola parola chiave, ma solitamente cerca un insieme di keywords.
[/wpsm_box]La seconda parola chiave è già più segmentata, seppur riceve meno ricerche mensili è sicuramente più in Target con il tuo business e pertanto il CTR sarà più alto.

Google ti restituisce delle idee e una stima di costi per parole chiave correlate che puoi iniziare a scremare e inserire in una tua keywords list.

Oltre a queste puoi effettuare una ricerca di parole chiave divise per tematiche (idee per i gruppi di annunci).
E' fondamentale una volta selezionate per bene le keywords di organizzare ed ottimizzare al meglio sia la Campagna sia i singoli annunci.

[wpsm_box type="info" float="none" text_align="left"]
Ovviamente più una parola chiave è ricercata più c'è audience ed interesse, ma spesso sono posizionamenti difficili da raggiungere e predominati da Top Player di mercato. Pertanto è consigliabile lavorare su due o più parole per keyword (Teoria della long Tail) per ottenere sicuramente meno click ma un CTR% più alto e click più "qualificati" ed interessati.
[/wpsm_box]

Grazie alle Parole chiave a Corrispondenza inversa scartate i Click che non convertono

Quelle che Google chiama Parole Chiave a corrispondenza Inversa sono delle parole chiave che, se abbinate alla vostra Keywords nella ricerca su Google, non faranno visualizzare il vostro Annuncio.

Per esempio se vendete un software di CRM e questo non funziona su Mac e Linux dovrete andare a togliere queste due parole chiavi dall’elenco segnandole con un segno –

  • Software CRM
  • Software CRM Windows
  • -Mac
  • -Linux

In questo modo Google non renderà visibile il vostro annuncio se legato a quelle parole chiave che non vi porterebbero conversioni.
Allo stesso modo ci possono essere tante parole chiave  che vengono associate alle vostre parole chiave. Di volta in volta individuale ed eliminatele.

Nel caso del Corso di Cinese potrebbero essere fuorvianti ricerche che contengano per esempio i termini Online (nel caso i tuoi corsi sono solo in Aula) oppure Gratis (se sono a pagamento) etc.

[wpsm_box type="dashed_border" float="none" text_align="left"]
Inserendo le parole chiave a corrispondenza inversa nei tuoi elenchi riceverai sicuramente meno Impression (visualizzazioni) dei tuoi annunci ma il tuo CTR salirà almeno del 25% perchè saranno più pertinenti.
[/wpsm_box]

Trovare le parole chiave in base al proprio Sito Web o per Categorie

Un altra possibilità che lo strumento di Google per le parole chiave ti offre è quello di ricercare inerenti al tuo sito.

Infatti inserendo il tuo URL Google scandaglierà i contenuti del tuo sito per restituirti un elenco di parole chiave (o parole chiave per gruppi di annunci) coerenti con i tuoi argomenti.

Puoi infine effettuare una ricerca per argomento (categoria) come da foto di seguito:

Un altro consiglio è quello di utilizzare un vocabolario di Sinonimi per individuare i sinonimi delle parole chiave che decidi di utilizzare. Evita le parole ovvie e cerca di differenziarti.
In questo modo riuscirai a raggiungere più persone in target che stanno cercando ciò che offri.

Conosci i clienti per capire cosa stanno cercando realmente

Il modo migliore per scegliere le parole chiave e creare annunci pertinenti ed accattivanti e landing page efficaci è quello di conoscere i propri clienti.

Faccio un esempio di parole cercate su Google (sempre in riferimento al Corso di Cinese):

  • Imparare Cinese
  • Parlare Cinese
  • Imparare Cinese Mandarino
  • Parlare Cinese Mandarino

C'è una grande differenza tra imparare il Cinese e il Mandarino (parlato nel Sud), e sono diversi i target che cercano il Cinese e il Mandarino.

Inoltre Imparare e Parlare sono due parole correlate ma diverse.
Imparare è più legato allo studio, alla conoscenza della grammatica e delle regole di scrittura, mentre Parlare può riferirsi più a gruppi di discussione, a vedere dei video, a migliorare il proprio parlato se magari già si mastica la lingua o altre specifiche legate al Cinese.

Può essere una buona idea utilizzare dei Sondaggi tramite Google Docs da inviare ad utenti target per chiedere delle informazioni e delle domande da tracciare e translare in nuove parole chiave.

Capire La psicologia delle persone applicata alla Keywords (Conversare con la mente dei clienti)

Sia che una persona voglia imparare il Cinese, perdere peso, acquistare un prodotto o valutare un servizio, prima di mettersi a cercare su Google come risolvere questo "problema" o trovare delle opportunità in merito, è sicuramente una persona con dei bisogni (consci o inconsci).

Chi vuole imparare il Cinese probabilmente è una persona che ha necessità o volontà di trasferirsi in Cina, oppure vuole adottare un bambino Cinese o vuole aggiungere una nuova lingua nel suo percorso professionale.
Forse già conosce dei detti tipici, delle usanze e dei riferimenti del Paese.

Chi vuole perdere peso probabilmente è una persona che ogni giorno si fissa l'obiettivo di rimettersi in forma senza riuscirci, magari passa tutte le serata di fronte alla tv sul divano mangiando cibi che ingrassano.

Queste persone hanno dei desideri, e il tuo compito è quello di orientare la scelta delle tue keywords e dei tuoi annunci proprio su questi desideri (Spesso inconsci).

[wpsm_box type="info" float="none" text_align="left"]
Per Parlare direttamente e farvi ascoltare dai vostri clienti dovete conoscerli, sapere come sono, di cosa parlano, di cosa si interessano, quali sono le loro abitudini e modi di vivere.
[/wpsm_box]

Riuscire ad entrare nei pensieri del vostro cliente target e comprendere questi desideri, è uno dei successi per delle campagne Adwords (e non solo).

I tipi di corrispondenza delle Parole chiave

Se inserisci nelle vostre campagne delle parole chiave generiche senza virgolette o parentesi quadre, probabilmente Google farà mostrare i tuoi annunci per un gran numero di ricerche, spesso poco correlate a quello che offri.

Vediamo dunque in che modo restringere la ricerca e far si che Google mostri quando opportuno i vostri annunci:

Parole Chiave a corrispondenza generica

Queste parole chiave non hanno nessuno delimitatore all'inizio ne alla fine, esempio:

  • Corso Cinese
  • Corso Cinese Online
  • Corso Cinese Avanzato

Se non fornite un elenco di parole chiave negative Google restituirà i vostri annunci in tante ricerche tipo:

  • Corso Cinese
  • Corso Cinese Libro
  • Corso Cinese Gratis
  • Ebook Cinese Avanzato
    e così via...

Corrispondenza a Frase

Le corrispondenza a frase riguardano invece parole chiave delimitate da virgolette " ":

  • "Corso Cinese"
  • "Corso Cinese Online"
  • "Corso Cinese Avanzato"

Questa tecnica farà in modo che il tuo annuncio sia visualizzato nelle ricerche che includono esattamente queste parole chiave.
Può essere visualizzato anche se le parole vengono digitate non in ordine (ES: Cinese Avanzato Corso).

Corrispondenza Esatta

Se vuoi ancora una maggiore precisione puoi utilizzare come delimitatore le parentesi quadre [ ]:

  • [Corso Cinese]
  • [Corso Cinese Online]
  • [Corso Cinese Avanzato]

In questo modo gli annunci verranno visualizzati solo se le parole chiave digitate saranno scritte nella esatta sequenza ed input.

Conclusioni

Abbiamo visto in questo articolo dei punti basici ma fondamentali sulla scelta e sulla psicologia delle keywords dei quali riassumo i punti salienti:

  • Ci sono tante Keywords sovraccariche di concorrenza, che costano molto per click e che per quanto possono essere importanti probabilmente non saranno mai profittevoli.
  • Ci sono invece altre Keywords più di nicchia con basso costo per click e minore concorrenza che possono essere delle grandi opportunità.
  • Ogni parola chiave può essere un mercato a sè e la base di un business.
  • Dietro ad ogni ricerca c'è una persona, un bisogno e una mente che è necessario conoscere per poterne catturare l'attenzione.
  • E' importante utilizzare e delimitare le tue parole chiave con la scelta del tipo di corrispondenza adeguata per evitare che Google mostri i tuoi annunci inopportunamente.

Puoi commentare l'articolo o approfondire nella sezione ADWORDS altri articoli.
Se non lo hai ancora letto ti consiglio l'articolo su come ottimizzare ed organizzare la tua campagna Adwords in quanto strettamente legato a quanto appena letto.

Continua a seguirmi!

[ARTICOLO RIPRESO DAI CONTENUTI DI PERRY MARSHALL - LA GUIDA DEFINITIVA]

[efb_likebox fanpage_url="https://www.facebook.com/pages/Ecommerce-School/391780104309414?fref=ts" box_width="250" box_height="" colorscheme="light" locale="it_IT" responsive="0" show_faces="0" show_header="1" show_stream="0" show_border="1" ]

Post correlati

Come Sfruttare il Remarketing Multicanale (Cross Channel)

Francesco Chiappini

Guida Google Shopping di Adwords: Come Creare ed Ottimizzare la Campagna

Francesco Chiappini

Facebook e Adwords quale è migliore e perchè utilizzarli entrambi

Francesco Chiappini

3 commenti

Dario 16 Giugno 2015 at 13:46

Articolo fondamentale per chi vuole iniziare una campagna Adwords, grazie

Rispondi
admin 4 Gennaio 2017 at 15:03

Avrei citato anche il libro da cui hai preso spunto, visto che avete utilizzato gli stessi esempi

Rispondi
Alex 4 Settembre 2017 at 23:31

infatti, mi suonavano molto noti gli esempi. Dovresti citare il libro…

Rispondi

Lascia un commento

Accetto e dichiaro di aver letto l’Informativa Privacy