Ecommerce cross country: rischi e vantaggi del commercio transfrontaliero

L’ecommerce cross border – o cross Country – è un fenomeno che ha acquisito un’enorme importanza man mano che i clienti hanno cominciato ad acquistare prodotti al di fuori dei loro confini. Negli ultimi due anni ha subito una rapida crescita: sempre più spesso infatti, i consumatori sono alla ricerca di marchi internazionali per i prodotti che desiderano.

L’ecommerce cross border può riferirsi al commercio online tra un’impresa (dettagliante o marchio) e un consumatore (B2C), tra due imprese, spesso marchi o grossisti (B2B), o tra due privati (C2C), ad esempio attraverso piattaforme di mercato come Amazon o eBay.

I rischi dell’ecommerce cross border

Ci sono 3 rischi principali che influenzano l’ecommerce transfrontaliero:

– La frode è probabilmente la sfida maggiore per i commercianti che consentono ai clienti di acquistare da loro al di fuori dei confini del loro paese. È quindi fondamentale scegliere un buon servizio di pagamento che sia consapevole del comportamento dei clienti locali.

– Anche la logistica e la reverse logistics sono altrettanto importanti e possono influire negativamente sulla percezione del vostro business da parte dei clienti locali.

Una logistica coerente e prevedibile è un requisito necessario per un’impresa che vuole trarre vantaggio dal commercio elettronico transfrontaliero.

Normative. Il governo locale e la tassazione richiedono un esame approfondito e potrebbero avere un impatto potenzialmente negativo sulla vostra azienda.

Entro il 2020, secondo Accenture, oltre 2 miliardi di e-shopper, pari al 60% della popolazione globale, effettueranno il 13,5% dei loro consumi al dettaglio online, per un valore di mercato di 3,4 trilioni di dollari (Global B2C GMV, in crescita del 13,5% dal 2014 al 2020).

Le opportunità dell’ecommerce cross border

Cina. L'ecommerce transfrontaliero cinese vale 60 miliardi di dollari, ma la legislazione potrebbe avere un impatto su di esso.

La ragione della potenziale interferenza del governo è dovuta al fatto che i marchi utilizzano il commercio elettronico transfrontaliero per aggirare le norme che regolano i loro prodotti con le agenzie locali.

L'ecommerce cross border consente ai consumatori cinesi di acquistare online prodotti fabbricati all'estero e di eludere efficacemente i problemi normativi che hanno ostacolato l'accesso ai prodotti di consumo, dai cosmetici a Cognac.

Di fronte alla pressione esercitata a livello nazionale dai rivenditori tradizionali e alla perdita di gettito fiscale, il governo sta ora cercando di colmare la lacuna giuridica.

Asia sudorientale - Singapore, Indonesia. Secondo i rapporti, il mercato dell'ecommerce nel Sud-Est asiatico raggiungerà i 200 miliardi di dollari entro il 2025, con una crescita delle vendite online del 32%. Con 600 milioni di consumatori e 260 milioni di persone on-line, è il più grande mercato di utenti di Internet nel mondo.

E' quindi del tutto logico che sia Amazon che Alibaba si siano interessate maggiormente a questo settore. E, di fatto, anche noi abbiamo molto da imparare riguardo all'esplosione del mercato ecommerce in Cina.

Francia - Il segmento in più rapida crescita del commercio elettronico in Francia è quello degli acquisti transfrontalieri.

Quasi la metà di tutti i consumatori francesi acquista regolarmente da commercianti transfrontalieri. Il 19% di tutte le vendite online nel 2016 è stato effettuato su siti web non nazionali, quattro punti in più rispetto alla media europea del 15%, più frequentemente Germania, Regno Unito, Belgio, Stati Uniti e Cina.

Il problema principale con i clienti francesi è che le loro transazioni sono relativamente piccole rispetto ai paesi menzionati in precedenza.

Messico - E' un mercato a lungo termine a causa del tasso impressionante di crescita del mercato dell'ecommerce (21%). La crescita è ostacolata dalle preoccupazioni in materia di sicurezza dei pagamenti. Amazon ha collaborato con un rivenditore locale per garantire che i clienti possano pagare i loro acquisti in contanti.

Il mercato ha una bassa concorrenza e, con il tasso di crescita, il Messico potrebbe diventare a lungo termine il mercato più importante per l'ecommerce dell'America Latina.

Come accennato in precedenza, i pagamenti transfrontalieri sono difficili e dovrebbero essere gestiti in modo da garantire che i clienti non siano sorpresi da prelievi statali supplementari all'arrivo degli articoli alla loro destinazione finale.

Comprendere la tassazione locale e assicurarsi che il cliente paghi di conseguenza è fondamentale, altrimenti l'acquisto verrà restituito e creare un cliente aggravato che danneggerà la vostra azienda e il marchio.

Tags:

No Comments

    Leave a reply

    cos-039-l-039-ecommerce-cross-border-rischi-e-vantaggi-del-commercio-transfrontaliero
    [i]
    [i]