Nuove regole di Facebook per la pubblicità degli ecommerce

Facebook ha intenzione di reprimere i siti ecommerce che vendono prodotti sul social network che risultano poi di qualità insoddisfacente rispetto a quanto pubblicizzato sulla piattaforma.

Facebook ha lanciato una nuova opzione di revisione ecommerce all’interno del suo “Recent Ads Activity” dashboard che permette agli acquirenti di dare un feedback sui tempi di spedizione lenti, odori strani, e la merce sfasciacarrozze.

Gli utenti sono in grado di accedere agli annunci che hanno cliccato, e fornire un feedback. Facebook sta, inoltre, lavorando per estendere queste opzioni anche agli acquisti avvenuti a margine degli annunci, ad esempio con suggerimenti nelle notifiche.

In questo modo gli inserzionisti di ecommerce che non gestiscono bene le aspettative dei clienti sono in grado di ottenere più informazioni per modificare le loro operazioni di marketing.

social commerce

Dall’altra parte, se un’azienda riceve una massa consistente di feedback negativi, Facebook la informerà con un ultimatum per migliorare. In caso contrario la piattaforma smetterà di pubblicare i suoi annunci.

Gli sforzi di Facebook come piattaforma di ecommerce sono relativamente giovani e partono principalmente dal lancio del suo Marketplace.

Per assicurarsi un mercato, deve aumentare la fiducia, altrimenti i suoi 2,2 miliardi di utenti potrebbero smettere di cliccare sui suoi annunci di shopping per paura di essere fregati.

«Ci sono alcune aziende che sono semplicemente attori cattivi che non tolleriamo – ha detto Sarah Epps, Product Manager di Facebook in una intervista al Wall Street Journal – non appena possiamo identificare queste aziende, agiamo contro di loro ma a quelle che vogliono migliorare, vogliamo dare un’opportunità».

Quello che è importante notare qui è che questo non è un slam-dunk, dove vietare gli inserzionisti o alcuni annunci da Facebook è un risultato inevitabile.

Facebook dice che è altrettanto probabile che gli inserzionisti stiano facendo scelte sbagliate nel modo in cui presentano o gestiscono le loro attività ecommerce, non che siano intenzionalmente fuorvianti.

La maggior parte degli annunci originariamente identificati da BuzzFeed sono stati trovati provenienti da aziende cinesi, indicando sia le sfide logistiche e linguistiche, tra le altre cose.

No Comments

    Leave a reply

    ecommerce-come-pubblicare-le-inserzioni-su-facebook
    [i]
    [i]