Come utilizzare al meglio il rapporto Analisi Coorte in Google Analytics

rapporto coorte google analytics

Da pochissimo tempo Google Analytics ha inserito un nuovo rapporto alla voce “Pubblico”: si tratta dell’analisi Coorte, vediamo come può essere utile per avere un quadro più preciso del comportamento degli utenti!

Stando alla definizione che ne fa Google nella guida, le Coorti sono “insiemi di utenti organizzati in gruppi uniti da un elemento comune e da un periodo di tempo”.

Ad esempio, se prendiamo come elemento comune l’aver effettuato un acquisto e come periodo di tempo l’ultima settimana, avrai 7 Coorti:

Coorte 1: hanno effettuato un acquisto 7 giorni fa

Coorte 2: hanno effettuato un acquisto 6 giorni fa

Coorte 3: hanno effettuato un acquisto 5 giorni fa

E così via fino a ieri.

Le Coorti ti consentono di confrontare il comportamento di utenti appartenenti a gruppi diversi. Ad esempio, puoi vedere con quale frequenza gli utenti che hai acquisito il mese scorso tornano sul tuo sito, e confrontare i dati con quelli degli utenti che hai acquisito in questo mese.
analisi coorte rapporto google analytics

I dati sono filtrabili in base a

  • Tipo di Coorte. Per il momento con la versione Beta è disponibile solo il Tipo di Coorte "Data di Acquisizione", che permette di suddividere gli utenti in base alla data in cui hanno effettuato la loro prima sessione al sito.
  • Dimensione Coorte. Indica l'intervallo di tempo con cui vengono create le coorti. Nell'immagine sopra la dimensione coorte è impostata in base al giorno. Quindi verrà creata una coorte per ciascun gruppo di utente che visita per la prima volta il sito il 6 Febbraio, una per chi visita il 7 Febbraio, e così via (1° colonna), mentre le altre colonne mostrano l'andamento delle coorti nei giorni successivi al primo.Se si decide di impostare la dimensione coorte in base alla settimana, si creeranno coorti per ogni gruppo di utenti che visita per la prima volta il sito nella settimana X, stessa cosa se si imposta in base al mese.
  • Metrica. Serve a definire l'andamento della Coorte (Utenti che hanno visitato il sito in data X) in base a specifici comportamenti e interazioni che gli utenti hanno avuto sul tuo sito.Si può selezionare solo una metrica alla volta, e i dati sono raffigurati dai valori numerici sotto a ciascuna colonna. Nell'immagine sopra, la metrica che ho selezionato è "Fidelizzazione Utenti": sotto alle colonne di ciascun giorno compaiono quindi le percentuali di utenti per ciascuna Coorte che sono tornati sul sito nei giorni successivi alla prima sessione.ad es: nel giorno successivo alla prima sessione, sulla base del periodo temporale scelto in media l'1,99% degli utenti è tornato sul sito.
  • Intervallo di Date. Indica il periodo temporale che si vuole prendere in considerazione, in questo caso i 7 giorni successivi alla prima Sessione.

Le celle della tabella, colorate con diverse tonalità di blu, mostrano la percentuale di utenti che corrispondono alla metrica selezionata (in questo caso "Fidelizzazione utenti") rispetto alla popolazione totale di quella coorte. Maggiore è la percentuale di utenti che soddisfano la metrica, e più intenso è il colore blu.

Ad esempio per la coorte di utenti che ha visitato per la prima volta il sito in data 9 Febbraio, nel giorno 1 il 4,04% è tornata sul sito (colore blu scuro) mentre nel giorno 2 solo l' 1,79% è tornata (colore blu più chiaro)

Crea Coorti più specifiche con i segmenti avanzati

L'utilizzo dell'analisi Coorte può essere un comodo strumento di pianificazione strategica dei propri investimenti. Individuare i momenti in cui gli utenti tendono a dimenticarsi del tuo sito (a seconda della metrica che scegli: che acquistano meno, che fanno meno sessioni, che completano meno obiettivi, ecc.) potrà aiutarti ad identificare 2 cose:

  • Punti di frizione facilmente risolvibili. Dall'analisi del comportamento delle Coorti, potresti scoprire alcuni dati interessanti, come che i clienti cominciano a comprare meno dalla 4° settimana dopo l'acquisizione.A quel punto potresti isolare il segmento per quella coorte specifica e creare una campagna di Remarketing apposita, oppure inviare via mail un coupon con un codice sconto per "riscaldare" quei clienti che hanno già acquistato.
  • Punti di frizione inevitabili. Per quanto tu ti possa sforzare a mantenere alto il livello di Engagement, per diversi motivi spesso è inevitabile che i clienti abbandonino l'interesse verso il tuo negozio online.Con l'analisi delle Coorti, potrai farti una stima ben precisa del tasso di acquisizione di nuovi clienti di cui hai bisogno per compensare la perdita dei vecchi clienti.

Non dimenticare che, al pari di tutti gli altri rapporti di Google Analytics, solo segmentando il traffico potrai avere dati davvero utili. Utilizza i segmenti avanzati per creare Coorti specifiche che ti aiutino a trovare risposte alle tue diverse domande.

Esempio 1. Una prima operazione può essere quella di dividere il traffico tra "organico" e "a pagamento" utilizzando i segmenti preimpostati, mantenere la stessa metrica "Fidelizzazione utenti" ma impostare la Dimensione Coorte in base alla settimana per avere una visione più ampia:

creare coorti con segmenti avanzati

Come puoi vedere nella tabella sopra, questa prima segmentazione mostra chiaramente come il grado di fidelizzazione delle Coorti di utenti che provengono dalla ricerca organica sia decisamente superiore a quella degli utenti che provengono da traffico a pagamento.

 

Esempio 2. Puoi impostare il segmento "Traffico con Transazioni" per creare Coorti specifiche di utenti che hanno acquistato (dunque Clienti!) e capire se la tua comunicazione è in grado di riportare quelle persone sui tuoi contenuti anche dopo aver effettuato l'acquisto.

coorte sessioni con transazioni

 

Conclusioni

Il nuovo rapporto "Analisi Coorte" è un ottimo strumento per analizzare i comportamenti di gruppi omogenei di utenti in relazione al comportamento della popolazione totale nel suo complesso.

Questo si rivela particolarmente utile per

  • Analisi dei Microtrends. Puoi individuare i periodi in cui l'interesse verso i tuoi contenuti/prodotti cala, e riattivare i clienti con campagne di remarketing o di email marketing studiate ad hoc.
  • Impatto delle tue azioni sul comportamento utente. A partire dal giorno X hai installato un nuovo plugin per i commenti, oppure lanciato una nuova campagna di acquisizione clienti, o ancora effettuato un redesign del sito?
    Isola il traffico direttamente influenzato dalle tue scelte in Coorti, e confrontane il rendimento con Coorti diverse per valutare l'efficacia delle tue scelte.
  • Valutare se ti stai avvicinando/allontanando dai tuoi obiettivi di conversione. Dividi il traffico in tante Coorti e confrontane il rendimento tra loro sulla base dei tuoi obiettivi di business. Potrai vedere passo per passo se stai andando nella direzione giusta!

 

 

Marketing Automation Specialist - Mi occupo di marketing comportamentale e personalizzazione dell'esperienza di acquisto online. Ogni utente è diverso ed ha specifiche esigenze: è il sito che deve adattarsi a loro e non viceversa!
No Comments

    Leave a reply

    come-utilizzare-al-meglio-il-rapporto-analisi-coorte-in-google-analytics-ecommerceschool-blog-formazione-in-e-commerce-management
    [i]
    [i]