Come Stupire i tuoi utenti con le Foto Dinamiche (anche se non sai come fare)

La differenza tra l’acquisto offline e online è determinata spesso dal fatto che non viene toccato con mano il prodotto oppure non è presentato a dovere.

Oltre ad una scheda prodotto perfetta (con questo articolo puoi realizzarla) le foto dinamiche possono rendere interattivo il tuo sito ed aumentare le conversioni.

A chi naviga piace l’interattività. E’ provato che i contenuti interattivi (Rich Media) aumentano il tasso di conversione dei click e degli acquisti.

Siti come Zalando, Yoox e Spartoo hanno capito da tempo che l’investimento speso in foto professionali per ogni prodotto è perfettamente recuperabile nell’aumento delle conversioni.

Ora però puoi fare di più di loro, e stupire i tuoi utenti.

Puoi farlo con:

  • Immagine dinamiche
  • Video interattivi
  • Foto 360°
  • Gif Animate

Capiamo di cosa sto parlando!

IMMAGINI DINAMICHE:

Le immagini dinamiche non sono altro che delle foto interattive, con dei tag cliccabili che contengono Rich Media (contenuti interattivi come video, animazioni, descrizioni aggiuntive, call to action etc).

Questo creato con Thinklink è un esempio (passa il cursore sulla foto per vedere i tag):

Immagino che le ragazze sono rimaste contente della scelta di Ryan Gosling nella foto precedente, ma per non deludere gli amanti dell’agricoltura  ecco un altro esempio di John Deere:


Pensa a quanti contenuti aggiuntivi puoi inserire sulle tue foto, approfondire dettagli e fornire una panoramica completa del prodotto in una sola foto.

Infine un esempio di un piccolo Shop di gioielleria che utilizza le immagini dinamiche per presentare più prodotti in un’unica immagine!

Finalmente le slide della tua Home Page (o le foto nelle schede prodotto) possono essere interattive e non le statiche immagini alle quali siamo abituati.

Inoltre queste foto possono essere condivise sui social network o utilizzate laddove più efficaci.

I software che abbiamo testato per le immagini dinamiche sono i seguenti (se ne conosci altri puoi inserirli tra i commenti):

L’utilizzo di questi software è davvero intuitivo, tramite piattaforme cloud, si possono assegnare dei tag alle singole immagini contenenti i contenuti interattivi.

I software sono a pagamento (abbastanza a buon mercato), puoi valutarli e soprattutto misurare il ritorno dell’investimento.

Le statiche di Forrest Research e di Luminate (software house acquisita da yahoo) dicono che i click sulle foto arriva fino al 82% (qui trovi l’articolo completo della ricerca).

FOTO 360°:

Un altro modo di presentare al meglio i propri prodotti è fare delle foto rotazionali a 360 gradi come la foto seguente creata con MelowSpin (clicca per vedere l’animazione)

Ecco invece un immagine 360 creata con RotaryView:


Presentare un prodotto con questa cura e dettaglio non solo qualificherà e differenzierà il tuo sito, ma aiuterà l'utente nell'acquisto.

In questo modo potrai ridurre al minimo anche le richieste di reso, spesso dovute a descrizioni e foto poco esplicative.

Puoi fare delle foto 360° da te, senza l'utilizzo di un fotografo professionista, ecco come:

1. Usa un tavolo girevole (turntable) che puoi trovare a buon mercato e metti degli sfondi bianchi sui tre lati.
Non muovere il prodotto manualmente ma fai girare il piano.

Di tavoli girevoli ne ho visti fatti in casa di mille modi, l'ultimo aveva inserito un piano bianco su un giradischi da 33 giri 🙂

2. Scatta 24 foto con angoli di 15% e caricale sul tuo software (puoi farlo anche da solo su photoshop ma necessità di tempo e conoscenza del programma di grafica).

Tra i migliori software di immagini rotazionali abbiamo selezionato i seguenti:

Grazie a questi software puoi caricare le tue immagini ed in un click avere le tue immagini 360° pronte per l'utilizzo (anche l'eventuale condivisione social).

Il video di Rotary View spiega velocemente il funzionamento:

VIDEO INTERATTIVI:

Un  altro esempio di icoinvolgimento degli utenti sono i video interattivi, solitamente sono brevi (5 secondi massimo) come i seguenti:



Puoi utilizzare dei software come Rotary View (realizzazione più veloce) caricando il video di 3-5 secondi massimo ed inserendo i tag opportuni (per fare cross selling o comunicare maggiori informazioni).

Nel caso invece vuoi farlo "in casa", una volta realizzato il tuo breve video puoi utilizzare photoshop e seguire questa procedura:

1. Carica il video (File > Importa > Video o Frame Layers)
2. Sistema la sequenza con tempi e inserisci le CTA (call to action) desiderate
3. Salva la foto in Gif (File > Salva per web)

GIF ANIMATE:

Anni fa il web dilagava di Gif Animate, per poi essere quasi totalmente sostituite da animazioni flash (scomparse poi anche quelle nel tempo).

Possono tornare però utili per piccole animazioni come la seguente ricevuta via mail:

image09

Come Puoi vedere se ben utilizzate possono produrre ottimi risultati scenici e aumentare il valore percepito del tuo brand.

Ci sono molti software online per realizzare Gif animate (anche gratuiti), nel caso vuoi farle da solo puoi utilizzare photoshop (il processo è simile a quello dei video interattivi, ma invece di importare il video è necessario importare le varie immagini da utilizzare).

CONCLUSIONI:

Le immagini dinamiche sono tuttora poco utilizzate se non in alcuni settori (per esempio i siti di automobili spesso sfruttano questa interattività).

Il fatto che molti software stiano offrendo la possibilità di crearle in maniera semplice e veloce permetterà sempre di più l'utilizzo su larga scala.

I costi dei software non sono eccessivi e il consiglio è di cominciare a prendere dimestichezza con il loro utilizzo.

Sicuramente ci sono dei settori (la moda è uno di questi) dove l'utilizzo di immagini dinamiche può risultare più efficace rispetto ad altre, ma in linea generale se ben sfruttate possono produrre risultati su tutti i settori.

Il sito di arredamento ShopMack ha incentrato il suo modello di vendita sugli ambienti e non sui singoli prodotti, utilizzando proprio la tecnologia delle dynamic images.

Un altro utilizzo sicuramente interessante è sulle mappe per esempio laddove per ogni singolo punto è necessario comunicare contenuti o immagini aggiuntive.

Qualsiasi sia l'utilizzo però è importante non esagerare perchè è necessario un compromesso tra interattività ed emozione.

Scegli in quale sezione o su quali prodotti creare interattività e testa i risultati con quelli statici.

A presto con un nuovo articolo!

Ecommerce School è anche su facebook!

 

E-commerce & Web Marketing Manager, Formatore ed Autore. Preparo ed aiuto i giovani a diventare Ecommerce Manager e le Aziende ad aumentare i fatturati.
1 Comment
  1. Larix Studio 29 giugno 2017 at 11:46

    La rotazione con la scarpa che gira a 360° anche in verticale è spettacolare!

    vota commento
    Reply

Leave a reply

come-stupire-i-tuoi-utenti-con-le-foto-dinamiche-anche-se-non-sai-come-fare
[i]
[i]