Paese che vai, geolocalizzazione che trovi. Idee per personalizzare un ecommerce con la geografia.

La geolocalizzazione è un capitolo molto importante del marketing automation per ecommerce.

Conoscere la posizione geografica dalla quale navigano gli utenti ti permette infatti di capire molte cose sulle loro intenzioni, i loro dubbi e il tipo di prodotto a cui sono interessati.

Ovviamente questo offre un vantaggio competitivo nei confronti di quegli ecommerce che invece trattano utenti di Paesi diversi alla stessa maniera.

Ma cosa si può fare concretamente, una volta individuata la località di provenienza di un utente?

 

1. Digli se puoi spedire nel suo Paese, e quanto costa

Una delle frustrazioni maggiori nell’acquisto online è quando si arriva all’ultima fase di checkout e si scopre che le spese di spedizione sono molto alte.

Spesso questa frustrazione si traduce in un abbandono del carrello poco prima dell’acquisto.

Un modo per impedire sul nascere questo fenomeno consiste nel mostrare ai nuovi utenti esteri un piccolo riquadro che li rassicuri su costi di spedizione e tempi di consegna verso il suo Paese.

Come avevo già scritto in un precedente articolo, è possibile personalizzare ulteriormente la comunicazione, inserendo bandierina e nome dello stato dinamici.

In questo modo ogni utente potrà cominciare la propria navigazione in modo sereno, senza doversi avventurare nella ricerca di sezione FAQ e pagina spedizioni, e senza brutti scherzi in fase di checkout.

Nel Funnel di conversione, questo significa uno step in meno verso la strada dell’acquisto!

geolocalizzazione_marketing_automation_ecommerce

 

Questa è la base, da cui è possibile partire per serie infinita di tecniche di personalizzazione del sito in base alla geografia.

 

2. Se fa freddo fagli trovare un cappotto, se fa caldo un costume da bagno.

Se vendi prodotti come l’abbigliamento, la temperatura della località da dove si connettono gli utenti può essere un fattore importante con cui intercettare i loro bisogni immediati.

Per esempio il sito ecommerce www.boden.co.uk utilizza il maniera magistrale questo genere di personalizzazioni basate sul meteo.

Quella a sinistra è la Homepage che trovano gli utenti di Paesi freddi, quella a destra utenti di Paesi caldi:

Il software Personyze, tra le diverse funzioni di marketing automation, permette una dettagliata profilatura in base a dati climatici come temperatura esterna, umidità e addirittura intensità del vento!

A brevissimo uscirà la versione Beta di un software decisamente più economico che fa solo personalizzazione in base a località, fuso orario e condizioni meteo.

Si chiama Shrrimp, se lasci la mail puoi richiedere l’Early Access ed essere avvisato quando sarà disponibile.

Il funzionamento sembra essere davvero semplicissimo, come puoi vedere dalla gif sotto:

3. Mostra contenuti diversi da Paese a Paese

Se hai un traffico consistente proveniente dall’estero, puoi selezionare i 5 Paesi principali da dove arriva il traffico e personalizzare alcuni contenuti chiave del tuo sito, come ad esempio le slide e i banner in Homepage.

Per farlo devi andare su Google Analytics al rapporto Dati geografici >> Località.
geolocalizzazione_ecommerce

Come personalizzare la propria Homepage in base alla geografia? Prendiamo spunto da uno dei Big Player del commercio elettronico online.

Questa è la Homepage di Hertz.com così come la vede un utente che si collega dal Brasile:

hertz_brasile

Nelle grafiche personalizzate troviamo uno “Speciale Bonus per l’estate brasiliana” e benefici riservati ai clienti di Banco do Brasil.

Questa invece è la versione per gli utenti finlandesi:

hertz_finlandia

che si apre con uno speciale sconto per la Pasqua nordica, con l’immagine di un auto monovolume che si staglia tra i ghiacci.

Infine questa è la versione per gli utenti di Australia e Nuova Zelanda:

hertz_nuova_zelanda

Anche qui troviamo Consigli per una guida sicura in Nuova Zelanda, “grandi affari” per visitare l’Australia con Hertz, il tutto corredato di immagini a tema.

Come puoi vedere, la strategia di comunicazione della multinazionale è stata modellata sulla base del contesto geografico e antropologico di riferimento, per offrire contenuti il più rilevanti possibile agli utenti.

Il sociologo Zygmunt Bauman chiama questo fenomeno glocalizzazione, dall’unione dei termini “globale” e “locale”.

4. Informa gli utenti che nelle loro città c’è un tuo punto vendita

Se oltre al canale online hai anche negozi fisici, puoi consigliare agli utenti di quelle città di recarsi di persona sul punto vendita, magari consegnando loro un coupon spendibile direttamente alla cassa.

Anche se la gente è comoda nell’acquisto online, sapere che sei presente fisicamente nel loro territorio è una fonte di rassicurazione per qualsiasi genere di problematica.

Altri, saranno proprio più contenti di recarsi direttamente nel punto vendita e toccare con mano i prodotti.

Per costruire semplici Pop-up visibili solo alle persone che si connettono da certe città di Italia, puoi provare il software geolify.

Permette la creazione di nuovi contenuti (sia nell’html sia come pop up) sulla base dell’IP di provenienza dell’utente, con una interfaccia davvero user-friendly e un velocissimo metodo di installazione (un unico codice nella sezione <head> del sito).

Il pagamento avviene ad Impression, per cui se devi promuovere l’apertura di un nuovo punto vendita ti basterà attivarlo per pochi giorni, con una spesa davvero minima.

geolify_geo_javascript_service


 

In conclusione: se i prodotti che vendi possono essere più o meno rilevanti in base alla posizione geografica di provenienza, la personalizzazione dei contenuti può aumentare di gran lunga l’interesse degli utenti, e in ultima analisi le tue conversioni.

Alla prossima!

Ecommerce School è anche su Facebook:

 

Marketing Automation Specialist - Mi occupo di marketing comportamentale e personalizzazione dell'esperienza di acquisto online. Ogni utente è diverso ed ha specifiche esigenze: è il sito che deve adattarsi a loro e non viceversa!
2 Comments
  1. gino 3 marzo 2016 at 20:32

    Buonasera.
    quali db\servizi di terzi consigliate per la geolocalizzazione ?

    grazie

    Reply
    • Marco Santandrea 5 marzo 2016 at 23:28

      Buonasera, per cominciare possiamo consigliarti geolify.com in quanto più semplice da utilizzare ed economico rispetto ad altri software.

      Poi se ti va facci sapere come ti sei trovato!

      Reply

Leave a reply

[i]
[i]