QUANDO IL LEAD NURTURING NON FUNZIONA (MA MI HA FATTO RISPARMIARE)

Qualche giorno fa ho cercato un servizio per un e-commerce e non c’è stato modo di contattare né di capire i prezzi perché il sito in realtà era una landing page che mi invitava a scaricare una serie di video (che poi erano inviati tramite autoresponder).

I video che ho terminato di vedere oggi avevano come obiettivo di farmi spendere di più e di valorizzare il prodotto, visto che sul mercato si trovano tante offerte a basso costo e di basso profilo.

Niente di sbagliato in questo, anzi fare lead nurturing equivale a preparare ed informare preventivamente il cliente sul prodotto, ma io avevo già in mente cosa acquistare ed ho fatto una ricerca precisa su Google ed ho cliccato sull’annuncio Adwords.

Alla fine dei 5 video il costo era superiore ai competitor ma se tutto quello comunicato nei video fosse stato messo nella landing page avrei comprato subito.

Inoltre un competitor si potrebbe iscrivere alla sua mailing list e vedere cosa comunica nelle mail e mettersi lui in home page quel valore aggiunto che non ha comunicato subito.

Fatto sta che avevo urgenza di attivare quel servizio e nello stesso momento ho continuato la mia ricerca online acquistando alla fine da un altro, risparmiando e con una buona resa (cosa rara ma sono stato fortunato 🙂

Capire le intenzioni degli utenti soprattutto quelli nuovi è fondamentale nel marketing.

E’ possibile capire le loro intenzioni già dalla fonte di traffico dalla quale arriva.

Se arriva da adwords è chiaro che è una ricerca diretta, che esprime consapevolezza di una necessità, soprattutto su parole chiavi in long tail o transazionali.

Se cerca l’offerta gli do l’offerta subito con tutto l’occorrente on-page come le recensioni, un buon testimonial, le garanzie, le Pr, i Video, la Social proof e le certificazioni necessari per creare trust.

Consiglio di Aggiungere inoltre una buona chat con servizio di richiamata in pochi minuti per convincere gli indecisi e impostare (solo sui nuovi visitatori) un Pop-up in Exit intent per cercare di acquisire comunque la mail, nel caso volesse uscire.

Nulla vieta di lavorare in Test A/B con due versioni differenti di landing page, una per il traffico adwords e una per il resto che lavora sulla domanda latente.

 

E-commerce & Web Marketing Manager, Formatore ed Autore. Preparo ed aiuto i giovani a diventare Ecommerce Manager e le Aziende ad aumentare i fatturati.
No Comments

    Leave a reply

    [i]
    [i]