C.R.O. Ecommerce: Prima di Ottimizzare l’Usabilità del Tuo Sito Ottimizza il Tuo Business

L’usabilità in un ecommerce è molto importante in quanto gli utenti devono essere facilitati nei processi di acquisto.

Per renderlo usabile è necessario progettarlo seguendo le principali best practices ed ottimizzando le singole pagine

(Home – catalogo – Scheda Prodotto – carrello/Ckecout e pagine interne).

Qui trovi un po di articoli con dei consigli su come progettarli al meglio:

Disegnare una scheda prodotto che converte

25 Best Practices per il Mobile Ecommerce:

Come Disegnare Carrello e Checkout che convertono:

Assicurati prima di lanciare un ecommerce che i prodotti siano facilmente ricercabili, la value proposition sia ben comunicata oltre le garanzie e i benefici ben in evidenza.

Su come ottimizzare le pagine c’è da parlare giorni interni e non è questo l’articolo delle best practices ma serve sfatare qualche mito a riguardo della UIX (User Interface eXperience).

Sento spesso consigliare a clienti appena andati online con l’ecommerce che non vendono perché il sito è poco usabile o perché mancano alcune informazioni.

Ripeto, l’usabilità è di fondamentale importanza e sicuramente quel sito è stato lanciato con degli handicap.

Ma migliorare l’usabilità con traffico minimo sul sito produce effetti minimi o inesistenti.

Aumentare il tasso di conversione con cosi poche visite non può produrre risultati significativi.

Ti posso assicurare che ti costa di più fare CRO rispetto al ritorno dell’investimento.

Soprattutto se sei online da poco, migliorare l’usabilità non ti aiuterà in maniera significativa.

Paradossalmente ci sono siti poco usabili, anche non responsive che ancora oggi fatturano (e milioni di euro).

Tanti siti che sono partiti 10 anni fa e non si sono aggiornati nel tempo per esempio.

Questi sono gli ecommerce che riceverebbero subito un beneficio da un restilyng perché il loro modello di business è solido e magari hanno diversi anni di storico che significa una solida base di traffico.

Lì è da ottimizzare l’usabilità e fare CRO per aumentare le conversioni.

Per chi non sapesse cosa si intende per CRO (Conversion rate Optimization) è un’insieme di attività destinate ad aumentare le vendite sul sito, passando dal miglioramento di molti aspetti, tra questi anche l’usabilità.

Se invece sei online da poco e vivi una situazione di stallo, se il tuo sito vende o non vende non dipende esclusivamente dall’ usabilità.
Può essere il tuo posizionamento, il tuo brand debole, i prezzi, il prodotto/i, la logistica, il customer care o semplicemente dei competitor che ti stanno rubando i clienti.

Le cause possono essere molte e si perdono posizioni non solo lato Seo ma in termini di posizionamento nelle menti delle persone.

Se non ti differenzi in qualche modo per esempio rispetto ai tuoi competitoor, non hai accesso a prezzi competitivi o non hai prodotti di proprietà, difficilmente venderai, anche con la migliore usabilità.

Con questo non voglio dire che non bisogna progettare dei siti usabili, anzi!

Ma è importante capire le priorità e soprattutto quando intervenire con un Analisi CRO o un restiyling.

Troppo spesso però per CRO ci si riferisce alla sola usabilità, mentre specialmente in Italia è necessario concentrarsi su molti altri aspetti, allo stesso modo importanti e da ottimizzare.

C.R.O. significa aumentare le conversioni, quello è il fine, ma il mezzo può essere diverso.

Inoltre è importante costruire un’identità forte del brand e un posizionamento commerciale che abbia senso per attrarre il target di riferimento che spesso è già cliente di altri ecommerce.

Domandati sempre dunque, se offri un valido motivo per comprare da te e non da altri.

Prima di pensare all’usabilità un ecommerce deve essere “ottimizzato” a livello di business principalmente su:

  • Prodotti
  • Acquisti
  • Value Proposition (Posizionamento Commerciale)
  • Logistica
  • Customer Care (inteso non solo come gestione del “problema” ma anche vendita)
  • Identità del Brand
  •  Piano Marketing Operativo

Almeno che il tuo ecommerce sia estremamente critico in termini di usabilità, dedicati prima a queste ottimizzazioni.

Soprattutto laddove i budget non sono “infiniti” e si deve lavorare sulle priorità, meglio ottimizzare il business e posizionarsi sul mercato prima di sistemare la UIX.

In  Italia stiamo vivendo una situazione imprenditoriale ed economica che ancora deve implementare i processi e-commerce nei loro canali di vendita.

Le aziende sono impreparate per implementare i fondamentali come: la creazione di un team interno, una buona pianificazione e marketing.

La Cro verrà, per ora si fa sui grossi clienti, sui piccoli si deve lavorare sul posizionamento e modello di business

Abbiamo a che fare spesso con una “imprenditoria” che pensa di andare online con quello che ha, non con quello che serve al mercato.
Se vendi offline non significa che online puoi posizionarti con la stessa offerta.

Anzi spesso ti scontri con realtà più grandi della tua o meglio strutturate in termini di marketing, posizionamento ed acquisti.

Invece di fare copia/incolla il consiglio è di pianificare in che modo inserirti in una nicchia di mercato o risolvere un problema ad un target ben preciso di consumatori.

Assicurarsi di partire con le best practices di una buona usabilità, in tutte le sue forme e varianti ottimizzando le singole pagine.

Quando fare CRO?
Quando hai già traffico (almeno 40-50k/mese) e un modello di business che funziona.

E-commerce & Web Marketing Manager, Formatore ed Autore. Preparo ed aiuto i giovani a diventare Ecommerce Manager e le Aziende ad aumentare i fatturati.
No Comments

    Leave a reply

    [i]
    [i]