Come scrivere titoli efficaci e aumentare le visualizzazioni

 

Non riesco a evidenziare mai abbastanza l’importanza di un buon titolo. Durante i miei corsi di formazione, dico sempre ai miei incaricati che, quando si scrive una lettera, si dovrebbe passare il novanta per cento del tempo a creare e dare forma al titolo. Non è un’esagerazione. Se avete dieci ore per preparare una lettera, dedicatene nove al titolo.

Paul R.J. Hanley, presidente di Guerrilla Marketing International

Dal punto di vista del copywriting, si può senza dubbi affermare che la scrittura di titoli sia la più essenziale delle competenze da acquisire. Il titolo è infatti la prima e spesso l’ultima impressione che dai ai tuoi prospect. Statistiche alla mano, in media 8 persone su 10 leggerà il tuo titolo, ma solo 2 su 10 continuerà la lettura dell’articolo.2013-06-18-a-Hard-Working-Headlines

Questo la dice lunga sull’importanza del titolo! Senza una promessa convincente in grado di catturare l’attenzione su quello che hai da scrivere, il resto del tuo articolo può anche non esistere.

Spesso si vedono articoli scritti davvero bene, che espongono cose interessanti in modo chiaro e persuasivo e per giunta ottimizzati per i motori di ricerca ma…accompagnati da un titolo non del tutto convincente.

Risultato? Muoiono sul nascere. Poche decine di visualizzazioni, nessun commento, nessuna condivisione. Questo perché nel mondo virtuale gli utenti sono bombardati di messaggi che scansionano a malapena mentre aspettano il caricamento di altre 5 schede sul browser. Nonostante le tue buone intenzioni, se non attiri l’attenzione a partire dal titolo, nessuno sacrificherà nemmeno 30 secondi del proprio tempo per leggere quello che hai da dire.

NB: Un copywriting serio ha come scopo di mantenere alto l’interesse del lettore frase dopo frase, dal titolo, ai paragrafi, poi sempre più giù fino alla call to action. Va da sé che se le persone si fermano al titolo, perdi in partenza!

Ecco dunque alcune regole che ti serviranno come base di partenza per migliorare l’efficacia della tua comunicazione online:

 

1. Comincia con lo scrivere il titolo

Come abbiamo detto, il titolo è una promessa ai lettori. Tu gli prometti che potranno trovare quello che cercano nel corpo del testo, loro in cambio sacrificano un pò del loro tempo aspettando il caricamento della pagina. E generalmente, le promesse vengono fatte prima di essere soddisfatte.

Cercare di mantenere una promessa prima che questa sia stata formulata è difficile e rischioso: vi trovereste, ad articolo finito, a scegliere un titolo forzato, cercando di renderlo coerente con quanto scritto. Invece dovresti prima fare una promessa al lettore e tradurla in un titolo, poi di conseguenza di verrà più facile rendere il contenuto dell’articolo coerente con quanto promesso.

 

2. Utilizza domande aperte

Le domande aperte possono potenti armi di comunicazione e se ben formulate riescono a catturare l’attenzione degli utenti. Questo perché una domanda aperta non può avere per risposta un “si” o un “no” e richiedono un’interazione con il lettore, che deve passare attraverso un processo di rielaborazione per poter dare una risposta.

Al contrario, il rischio delle domande chiuse è che se il lettore fornisce una risposta inattesa la conversazione si conclude. Quindi una domanda come “Il tuo sito web ha problemi di usabilità?” potrebbe non essere appropriata se l’utente non pensa di avere un sito poco usabile. La sua risposta potrebbe essere “No” e la conversazione è finita.

Invece trasformando la domanda da chiusa a aperta, ad es.”in quali casi il tuo sito web ha problemi di usabilità?”, è più probabile che la risposta sia favorevole.

 

2. Utilizza i titoli “Come fare a…”

come scrivere titoli efficaci

Questo genere di titoli, di cui il web è pieno, catturano l'attenzione e aumentano le visite, è un fatto ormai assodato. Ma la verità buffa è che alle persone non interessa realmente "come fare a..." fare qualcosa. Ovunque è pieno di tutorial che spiegano "come fare a...". Il vero segreto di questi titoli sta nella parte dopo, ovvero negli aggettivi.

Ad es. in "Come [fare a] ottenere un lavoro migliore e fare più soldi?" l'utente non è attratto tanto dalla frase principale "come ottenere un lavoro" ma dall'aggettivo migliore e dalla promessa successiva "fare più soldi". 

ps: nel caso non te ne fossi accorto, io stesso ho utilizzato questo genere di titolo in questo articolo!

La struttura di questi titoli è la seguente:

Come [azione da compiere] che/e [beneficio gratificante]

Prima scegli il "come fare" una cosa, dopodiché domandati qual'è il beneficio principale che quella cosa comporta e sintetizzalo in una parola. Non è un'operazione semplice!

Altri esempi: "Come ottenere un mutuo che consente di risparmiare denaro", o ancora meglio "Come ottenere un mutuo e vivere nella propria casa dei sogni con 976 euro al mese". Perché proprio 976? Parleremo in un prossimo articolo dei vantaggi di scrivere numeri esatti!

 

3. Titoli "Come" senza "fare a..."

Anche questi titoli sono molto potenti, a patto che abbiate davvero qualche storia sensazionale da raccontare. Ad esempio, siete stati i primi a fare qualcosa di non ordinario? Vi è capitato qualcosa di singolare? Il vostro business fa miracoli?

Raccontatelo con il "Come" davanti: "Come ho perso 34 kg in un mese" (anche se molto abusato e puzza ormai di spam), "come ho fatto una fortuna con una idea stupida", "come ho detto addio alla scrivania e sono diventato un nomade digitale" eccetera.

In questo genere di titolo è l'accostamento singolare tra la frase principale e quella successiva a catturare l'attenzione del lettore. Per intenderci, titoli stile "Come ho vissuto a Londra con 1 euro al giorno" rappresentano non solo una promessa ma una vera sfida per il lettore, che vorrà trovare conferma in quello che dite.

 

4. Presenta una lista numerica

Tra tutte, questa è forse la più efficace delle strategie per scrivere un titolo che attira i visitatori, a patto ovviamente di non farne abuso.

Titoli come "5 modi per dimagrire e ritornare in forma" o "10 modi per arredare casa ad Halloween con il riciclo" catturano l'attenzione e possono generare un passaparola virale sui social network per un motivo: fanno una promessa davvero specifica sul contenuto dell'articolo.

Inoltre ti farà apparire agli occhi del lettore come una figura "autorevole" nel tuo settore, uno che non solo ha consigli da dispensare, ma riesce addirittura a quantificarli!

Ecco dunque alcuni esempi di titoli che incorporano una lista:

  • "Riesci a riconoscere i 5 segnali premonitori della pressione alta?" => con un titolo del genere dimostri di possedere una approfondita conoscenza del tuo settore di nicchia. Le persone amano i "testa a testa" su potenziali problemi e ne saranno incuriositi.
  • "6 tipi di investitori. Tu quale sei?" => fai in modo che le persone si auto-identifichino fornendo categorie generali nelle quali possono facilmente rispecchiarsi. I lettori apprezzano quando possono comprendere meglio se stessi e i propri comportamenti.
  • "Come far mangiare le verdure al proprio bambino - ecco 3 modi deliziosi" => questo modello è un ibrido tra il "Come" e le liste. Si noti la potenza espressiva dell'accostamento di parole "3 modi deliziosi".

Ti svelerò 2 SEGRETI su come utilizzare i numeri nei titoli:

  • Utilizza numeri dispari. Il Content Marketing Institute ha affermato che i titoli che presentano un numero dispari ("i 7 modi per...", "le 5 canzoni che...") hanno in media una percentuale di click del 20% superiore ai numeri pari. Perché? Non si sa, ma funziona, e tanto basta.
  • Componi un titolo con 8 parole. Ti sembrerà assurdo, ma i titoli che contengono 8 parole al proprio interno ottengono più click (+ 21% per la precisione) rispetto alla media. La ragione può essere collegata al limite della mente umana, che come insegna la psicologia cognitiva è capace di tenere nella memoria a breve termine 7±2 elementi.

Questi sono solo alcuni esempi su come scrivere titoli efficaci per il tuo blog, ma diversi altri fattori permettono di creare titoli "ipnotici" capaci di attirare l'attenzione dei lettori. Nei prossimi articoli ne vedremo di nuovi, intanto se hai dubbi o domande scrivimi nei commenti sotto e sarò felice di risponderti!

Tags:

Marketing Automation Specialist - Mi occupo di marketing comportamentale e personalizzazione dell'esperienza di acquisto online. Ogni utente è diverso ed ha specifiche esigenze: è il sito che deve adattarsi a loro e non viceversa!
No Comments

    Leave a reply